350 0458284
postmaster@viaggiatoridistratti.it

Lago di Conza

Partenza da città fantasme , passare vecchi borghi, Attraversare ponti tibetani per riposare in vecchi castelli

Conza della Campania ospita, il lago di Conza. In provincia di Avellino, nell’irpinia. Si estende tra la valle Ofante e valle del Sele. Circa 800 ettari con una profondità di 25 metri. Un lago artificiale sbarrando il corso del fiume Ofante, nasce dai monti piacentini e sbocca nell’adriatico. Da parte di una diga costruita tra 1975 e il 1992. per assicurare una riserva d’acqua costante da convogliare nel irrigazioni campi della puglia. Il bacino è circondato da una lunga strada circumiacuale, da campi di grano, boschetti e pascoli. In quest’area sostano gli uccelli che migrano tra mar tirreno e il mar adriatico, in effetti qui è molta radicata la fauna di tipo avicola con circa 140 specie di uccelli, come ad esempio, il falco pellegrino il falco pescatore, la cicogna bianca, l’airone rosso.
Nel lago vivono Anguille, carpe, persico sole. Il persico trota e il pesce gatto. Nell’oasi si possono ammirare ruderi di case coloniche. In quanto qui prima di diventare riserva erano presente attività agricole e zootecniche. Dal 1999 questo territorio e gestito dal WWF. L?Oasi del lago è stato eletta “Oasi più bella d’Italia per fare birdwatching 2012”.
Ricordiamo a Conza della Campania, Sono venuti alla luce, durante lavori di ripristino post terremoto. Il foro, l’anfiteatro, epigrafi, sarcofagi, mosaici, che si possono ammirare nel museo allestito in un edificio ristrutturato al interno del Parco. I reperti rientrano nel Parco Storico ed Archeologico “ Antica Compsa “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat