350 0458284
postmaster@viaggiatoridistratti.it

Castello dell’Ettore Apice (BN)

Partenza da città fantasme , passare vecchi borghi, Attraversare ponti tibetani per riposare in vecchi castelli

Quando volevamo visitare Apice vecchia, Non sapevamo che al’ entrata della città c’era il castello dell’Ettore di epoca normanna, si trova in ottime condizioni. Oggi le sue stanze sono sedi del museo civico della civiltà contadina, di esposizione di reperti archeologici, di mostre e di altre attività culturali, nonché la Biblioteca comunale. Ed inoltre oggi adibito a ristorante per cerimonia. Molto bello per la sua scenografia. Ma ritornando ad un po di storia: l’edificio nel passato era dotato di quattro torri; oggi ce ne sono solo due al di sotto delle quali c’erano i sotterranei, adibiti ai prigionieri e, secondo alcuni, gallerie che permettevano di uscire dal paese in caso di assedio. Dentro le mura c’è un grande cortile con una fontanella che serviva l’acqua agli abitanti e per abbeverare gli animali. Intorno al cortile c’erano le stanze dei servitori, salita una grande scalinata, al primo piano, c’erano i saloni di rappresentanza, mentre le camere padronali erano al piano superiore e nelle torri.

Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
Castello dell’Ettore
WhatsApp chat